Istituto di Istruzione Superiore di Lonigo
"Rosselli-Sartori"

 
L'IIS Lonigo sarà chiuso dal 23/02/2020 al 1 marzo 2020 a seguito dell'emanazione, nel pomeriggio del 23/02/2020, dell'ordinanza ministeriale emanata di concerto con il Presiente della Regione Veneto,
integrata dallla comunicazione interpretativa dell'Ufficio Scolastico Regionale.
Il divieto di ingresso in sede e nel plesso è per studenti, docenti e personale, fatti salvi i servizi pubblici essenziali.
Il cantiere edile per la ristrutturazione della sede di Via Scortegagna rimarrà aperto su indicazioni sinadacali,
con divieto di ingresso all'istituzione scolastica di personale non espressamente autorizzato dal Dirigente Scolastico.
Si riportano di seguito:
- il testo integrale dell'ordinanza ministeriale
- le indicazioni USR Veneto
- l'ordinanza del Sindaco di Lonigo cui accedere tramite apposito link

                                          Ministero della Salute Ordinanza contingibile e urgente n. 1

Il Ministro della Salute di Intesa con il Presidente della Regione Veneto Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019.

 

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Visto che si sono verificati finora 25 casi nella territorio della Regione del Veneto nei Comuni di Vò (PD) e di Mira (VE). Il quadro epidemiologico relativo a questi casi evidenzia un importante elemento di preoccupazione che è la mancata identificazione del “caso indice” in entrambi i focolai epidemici. Questo evento potrebbe allargare i cluster dei casi anche ad altri territori del Veneto in quanto non conoscendo la fonte, l'estensione del contagio è ad oggi imprevedibile. Ritenuta pertanto la straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per contrastare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, si adottano misure di contrasto e di contenimento alla diffusione del predetto virus; Tenuto conto inoltre che l'Organizzazione Mondiale della Sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale; Preso atto dell'evolversi della situazione epidemiologica globale, del carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e dell'incremento dei casi e dei decessi notificati all'Organizzazione Mondiale della Sanità; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 22 febbraio 2020, e ai sensi dell'articolo 32 Legge 833/78, articolo 117 D.L. 112/98 e articolo 50 D.L. 267/2000; Art. 1 (Misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19)

 

1. Allo scopo di evitare il diffondersi del COVID-19 nella Regione Veneto, il Presidente della Regione del Veneto adotta straordinarie misure per il contenimento adeguato per contrastare l'evolversi della situazione epidemiologica.

 

2. Le misure di cui al comma 1, sono le seguenti:

a) Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi in luogo pubblico o privato sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva, religiosa; discoteche e locali notturni;

 

b) Chiusura dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza;

 

c) Sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all'articolo 101 dei codici dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.L. 42/2004, nonché dell'efficacia delle disposizioni regolamentari sull'accesso libero o gratuito a tali istituti o luoghi;

 

d) Sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero;

 

e) Previsione dell'obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso nel Veneto da zone a rischio epidemiologico come identificate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda sanitaria competente per territorio per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.

1. Misure igieniche per le malattie a diffusione respiratoria sottoriportate: 2. Lavarsi spesso le mani, a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie, e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani. 3. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute 4. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani 5. Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce 6. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico 7. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol 8. Usare la mascherina solo si sospetta di essere malato o si assiste persone malate 9. I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi 10. Contattare il Numero Verde regionale 800462340 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni 11. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

 

f) Le Direzioni sanitarie ospedaliere devono predisporre la limitazione dell'accesso dei semplici visitatori alle aree di degenza, preferibilmente una persona per paziente al giorno.

 

g) Le RSA per non autosufficienti dovranno anch'esse limitare l'accesso dei visitatori agli ospiti; h) Si raccomanda fortemente che il personale sanitario si attenga alle misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria nonchè alla rigorosa applicazione delle indicazioni per la sanificazione e disinfezione degli ambienti previste dalle circolari ministeriali;

 

i) Deve essere predisposta dagli organismi competenti la disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra, via aere e via acqua;

 

j) Sospensione delle procedure concorsuali ad esclusione dei concorsi per personale sanitario; Art. 2 (Durata delle misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19) I provvedimenti della presente ordinanza avranno efficacia dalla data della firma del presente documento fino a tutto il 01.03.2020 Questa ordinanza potrà essere soggetta a modifiche al seguito del variare dello scenario epidemiologico. Salvo il fatto che non costituisca più grave reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è punito ai sensi dell'articolo 650 del codice penale. Copia dell'ordinanza viene inviata i prefetti e ai Nuclei Antisofisticazione (NAS).

 

Padova, 23 febbraio 2020

Il Presidente della Regione del Veneto

Il Ministro della Salute

Luca Zaia

Roberto Speranza

Coronavirus – Ordinanza contigibile ed urgente n. 1 del 23-02-2020 - dal sito web UAT  VICENZA

link USR Veneto

Si riporta il testo :

Su indicazione della Direzione Generale: Con riferimento alla Ordinanza contigibile ed urgente n. 1 emanata in data odierna dal Ministro della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Veneto, in particolare per quanto disposto all’art. 1, punto 2, lettera b) “Chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza della attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza” si deve intendere che la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado integra la dispensa dalla presenza in servizio del personale docente ed ATA.




Si rende pubblica l'ordinanza del Sindaco di Lonigo
Scarica Ordinanza al seguente link:

ordinanza Sindaco di Lonigo n.30 del 23/02/2020

Il 28 febbraio la Marcia mondiale per la Pace farà una sosta a Vicenza e l'IIS LONIGO parteciperà con una delegazione di circa 80 studenti. Presenterà la propria lettera di rinconciliazione contro tutte le guerre suggerita dalla testimonianza della Dott.ssa Anna Vescovi.  I laboratori degli studenti si svolgeranno nella mattinata a partire dalle 10.00 fino alle 13.00 e coinvlgeranno tutte l sucole della provincia di Vicenza.

A dieci anni dalla prima edizione, tra ottobre 2019 e marzo 2020, questa sarà la seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza 2019-2020. I temi principali di questa edizione sono: il disarmo nucleare e la rinuncia alla guerra come strumento; la creazione di un Consiglio di sicurezza ambientale ed un Consiglio di sicurezza socio-economico, da affiancarsi al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite; l’eliminazione della fame nel mondo attraverso l’integrazione di tutte le regioni del pianeta; la lotta alle discriminazioni di ogni tipo; e la promozione della cultura della nonviolenza.

Si tratta di una esperienza di cittadinanza attiva che arricchirà le competenze per l'esame di stato.

c3deb13dindex

Si comunica che la prossima sessione d’esame ECDL è prevista Sabato 22 febbraio 2020 dalle ore 9:30 alle ore 12:30

Almeno due giorni prima, il candidato deve prenotare l'esame secondo le consuete modalità: tramite il modulo disponibile presso il laboratorio di Informatica 1 della sezione ITE o tramite richiesta via e-mail all’indirizzo ecdl@iislonigo.edu.it specificando cognome, nome, data di nascita, numero di skill-card nonché l'esame da sostenere.

Gli studenti dovranno iscriversi all’esame secondo fasce orarie avendo cura di non coinvolgere ore di lezione in cui sono già state previste importanti attività didattiche (come verifiche scritte o interrogazioni programmate), dovranno comunicare al docente dell’ora il loro impegno per l’esame uscendo 10 minuti prima dell’inizio dello stesso e recarsi in aula 1DTU (di fronte al Laboratorio Informatica 1) dove attenderanno l’esaminatore per le operazioni di riconoscimento (carta d’identità o altro documento di riconoscimento con foto, attestazione del versamento per l’esame).

Notizia per i nostri studenti OSS e per gli interessati  – San Bonifacio (Vr) – Presentazione del Corso per volontari della Croce Rossa

Diventa volontario della Croce Rossa partecipando al Corso organizzato dal Gruppo Croce Rossa Italiana di San Bonifacio. Lunedì 20 gennaio 2020 alle ore 20,30 nella sede del Comitato «Croce Rossa Italiana» Est Veronese [via Tombole – San Bonifacio (VR)] si terrà una serata introduttiva e di presentazione delle attività formative, mentre il Corso inizierà lunedì 27 gennaio 2020 alle ore 20,30 nella stessa sede. L’età minima per partecipare all’iniziativa è di 14 anni. Il corso si svolgerà nelle serate del lunedì e mercoledì ed avrà una durata di circa due mesi, durante i quali verranno impartite nozioni base di primo soccorso e di rianimazione cardio-polmonare e, soprattutto, nozioni di DIU (Diritto Internazionale Umanitario), cuore pulsante del Movimento di Croce Rossa.

I corsisti che supereranno l’esame finale teorico e pratico, avranno accesso alla Croce Rossa Italiana e potranno svolgere diverse attività di volontariato. Inoltre potranno frequentare tutti i corsi di specializzazione riservati ai Volontari di Croce Rossa quali, TSSA per svolgere attività in ambulanza, OPEM per il Settore Emergenza e tanti altri.
croce rossa

Per informazioni: tel. 349.3863017 – formazione@criestveronese.it

Nell'ambito del Progetto denominato "Benessere giovani di Lonigo", l'Amministrazione Comunale
ha organizzato una serie di eventi per genitori.
E' un'occasione importante per approfondire come affrontare le nuove sfide educative.
Per saperne di più clicca qui

serate per genitori IC Ridolfi

Logo Seminari
 
Il FoPAGS, Forum Provinciale Genitori della Scuola di Vicenza, organizza anche
quest’anno una serie di incontri formativi/informativi rivolti ai genitori degli Istituti
scolastici di ogni ordine e grado della provincia, con la finalità di rafforzare l’ Alleanza
Educativa tra Scuola e Famiglia.
Il primo di questi avrà luogo:
Lunedì 20 gennaio 2020
dalle ore 20.30 alle ore 22.30
presso Istituto Comprensivo 4 – via Palemone – Vicenza

GENITORI
L'IIS Lonigo, in collaborazione con l'ULSS n.8, promuove e realizza  progetti di tirocinio per inclusione sociale.
Di cosa si tratta?

Tirocinio finalizzato all'inclusione sociale

 
 

La legge regionale prevede caratteristiche specifiche per i tirocini rivolti a persone che hanno una particolare vulnerabilità e fragilità, anche in termini di distanza dal mercato del lavoro, e che sono in carico dai servizi sociali e/o sanitari (Comuni, Unioni di Comuni, Aziende Unità Sanitarie Locali - AUSL, Aziende Servizi alla Persona - ASP, Ministero della Giustizia). Si tratta di tirocini di orientamento, formazione e inserimento o reinserimento finalizzati all'inclusione sociale, all'autonomia delle persone e alla loro riabilitazione.
L'IIS LONIGO accoglie nella propria struttura organizzativa persone con disabilità tutorate da personale in servizio. La comunità inclusiva lavora al servizio di tutti.

tirocinio 3

Progetto formativo personalizzato

 La Regione ha previsto uno specifico modello di progetto formativo personalizzato (Allegato 3 Delibera di GR n. 1143/2019). Il soggetto pubblico che ha in carico il tirocinante individua e indica al soggetto promotore gli obiettivi formativi del tirocinio, che possono essere competenze socio-relazionali e/o competenze tecnico-professionali relative a una qualifica.

Durata

Il tirocinio può avere una durata massima di 24 mesi. Sono previsti casi specifici in cui il tirocinio può essere prorogato o ripetuto, anche con progetto formativo individuale identico o simile, previo parere positivo del soggetto competente, ovvero il Servizio pubblico del lavoro, Servizio sociale o Servizio sanitario che ha in carico il tirocinante. 

L'Aula di Approfondimento della Scuola è dedicata esclusivamente ai Bisogni Educativi Speciali.
Questa è la lettera di comunicazione diffusa ai genitori in sede di orientamento in entrata nel mese di novembre

sostegno 2


lettera di presentazione alle famiglie dell'IIS LONIGO



Lonigo, 6 novembre  2019

Prot. 5388

per un "Progetto di Vita indipendente"


OFFERTA FORMATIVADIDATTICA PER GLI ALUNNI CON ABILITA’ PARTICOLARI

La scelta della tipologia di scuola secondaria adatta ai propri figli è sicuramente uno dei momenti più importanti per tutte le famiglie coinvolte. 
L’Istituto di Istruzione Superiore di Lonigo ha sviluppato, negli anni, una modalità operativa relativa all’Orientamento collaborando in rete con tutte le scuole di primo e secondo grado del territorio. La nostra scuola cerca di realizzare il diritto all’apprendimento per tutti gli alunni in situazione di difficoltà.Infatti, l’Istituto, si è dimostrato sensibile nei confronti degli alunni diversamente abili, cercando di favorirne l’inserimento, l’inclusione e organizzando specifiche attività di orientamento scolastico finalizzato ad un passaggio più consapevole e sereno dalla scuola media a quella superiore. Si prevedono, infatti, contatti ed incontri congiunti con le scuole secondarie di provenienza, per assicurare continuità e coerenza delle proposte.
I ragazzi che si iscrivono nella nostra scuola hanno la possibilità di acquisire competenze spendibili nel mercato del lavoro fin dal conseguimento del diploma; sono, inoltre, previste altre iniziative rivolte ai ragazzi con bisogni speciali.

Fondamentale e proficua è, inoltre, ritenuta la collaborazione con le famiglie e l’U.L.S.S. Tutte le componenti partecipano ed hanno corresponsabilità educativa nel processo di integrazione e di inclusione degli allievi con disabilità e sono, quindi, chiamate ad essereparte attiva e propositiva.
L’inserimento e l’integrazione nella nuova realtà scolastica vengono favoriti attraverso l’attivazione dei “PERCORSI PONTE”: nel corso dell’ultimo anno di frequenza della scuola superiore di primo grado, l’alunno con bisogni speciali avrà la possibilità di “sperimentare” il tipo di scuola scelto per la prosecuzione dei propri studi grazie ad una serie di incontri, presso il nostro Istituto, che gli consentiranno di frequentare delle vere e proprie lezioni. Inoltre, si concorderanno alcuni incontri presso la scuola di provenienza grazie ai quali un nostro insegnante potrà osservare l’alunno nelle attività di tutti i giorni e iniziare la pianificazione del percorso individualizzato.

Nel corso dei quinquennio, a seconda del percorso di vita individuato per l’alunno, si potranno realizzare alcuni progetti rivolti ad aumentare il grado di AUTONOMIA SOCIALE”.La finalità è quella di aiutare l’alunno a FARE, sempre più DA SOLO, a scuola, ambito strutturato della società.  La scuola propone:

·       Il PROGETTO EUROgrazie al quale l’alunno sarà inserito in contesti reali di acquisto (spesa al supermercato, pagamento di un gelato, ecc.);

·       Il PROGETTO AUTONOMIA: che prevede:

L’EDUCAZIONE STRADALE l’essere attivamente pedone, con esperienze sul campo;

ü  LA LOCALIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI SERVIZI locali: poste, banche, uffici del comune, ecc;

·       Il  PROGETTO BASKIN: in collaborazione  con la rete di scuola del territorio che consente a chi non riesce a svolgere attività fisica nelle ore scolastiche per le problematiche individuali, di partecipare all’attività organizzata da esperti formati dal servizio scolastico provinciale in modo attivo.


L’istituto è dotato di lavagne interattive, aula video, adeguati spazi adibiti ad aule di approfondimento, laboratori linguistici ed informatici che consentono di variare l’offerta didattica anche attraverso l’uso delle moderne tecnologie, importante canale veicolare di supporto ai ragazzi disabili.
Per ciascuno studente certificato è elaborato il Piano Educativo Individualizzatoed il Profilo Dinamico Funzionale, secondo la normativa vigente.
L’orario scolastico può essere organizzato in modo flessibile, alternando, se necessario, momenti di inserimento in classe con momenti di studio individuale e/o di attività di laboratorio. Nella definizione dell’orario si tiene conto della necessità dell’alunnodi seguire eventuali terapie, dei ritmi di faticabilità di ciascuno, di lavorare in un piccolo gruppo o con strumenti fortemente individualizzati e dell’opportunità di usufruire di offerte formative esterne.
E’ possibile, inoltre, l’utilizzo di modalità di lezione da casa attraverso Skype per coloro che hanno problematiche di salute gravi e non possono frequentare le lezioni in presenza o sono costretti ad assentarsi per lunghi periodi.
Per gli studenti in stato di bisogno frequentanti le classi Quarte e Quinte sono organizzati periodi di stage in cooperativeo in aziende per l’orientamento lavorativo, dopo aver condiviso il progetto di lavoro con la famiglia e l’U.L.S.S. di appartenenza. 
L’istituto, sede accreditata per il rilascio della PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER(E.C.D.L.), consente, inoltre, di conseguire un diploma riconosciuto a livello europeo che attesta le competenze acquisite nell’uso del personal computer.
Non da ultimo, il nostro Istituto affianca all’offerta didattica un clima sereno, accogliente, una scuola strutturalmente innovativa e fruibile anche da coloro che presentano difficoltà di deambulazione, poiché è a norma dal punto di vista dell’abbattimento delle barriere architettoniche.

Il personale in servizio è competenteprofessionalmente, sensibile alle varie problematiche e i docenti di sostegno di ruolo sono tutti specializzati e si dedicano a questa attività con passione, pianificando le attività in accordo con le famiglie, gli insegnanti curricolari, il personale ausiliario, gli operatori dell’U.L.S.S. e gli Enti locali.

Dislessia, Disgrafia, Disortografia e Discalculia rendono difficoltoso il percorso scolastico, pertanto, la nostra scuola individua forme didattiche e modalità di valutazione adeguate, affinché gli allievi DSA o BES possono raggiungere il successo scolastico e formativo. Vengono, infatti, dati quegli strumenti compensativi e dispensativi  per poter raggiungere delle bune competenze e si cerca di adeguare ogni percorso di studi alle capacità di ciascun alunno.

Qualora riteniate di vostro interesse la nostra offerta formativa, vi informiamo che nelle giornate di seguito riportate i docenti di sostegno dell’Istituto saranno presenti a scuola per fornire tutte le informazioni necessarie e per visitare la struttura. Si consiglia una preventiva prenotazione al fine di poter dedicare alle famiglie un tempo adeguato alla presentazione.

                       

                                                                                   IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                   f.to Avv. Barbara Scarso

 

L'IIS LONIGO ha aperto lo sportello autismo per i suoi studenti

Presentazione generale

La rete “Sportelli Autismo” presente nel territorio della Regione Veneto offre un servizio di consulenza in tema di didattica inclusiva per gli studenti con disturbo dello spettro autistico.
Si tratta di un sistema di servizi rivolto a  Dirigenti Scolastici, docenti curriculari, docenti specializzati per le attività di sostegno, consigli di classe o di sezione,
famiglie che desiderano ricevere un supporto educativo- didattico ed organizzativo da docenti esperti rispetto alla tematica.
Gli incontri si svolegerannao breve a disponisizione delle famiglie, in vbase alle esigenze deli alunni.autismo

Sottocategorie