Istituto di Istruzione Superiore di Lonigo
"Rosselli-Sartori"

 

Nota 2741 M.I. del 27 aprile 2020 Emergenza COVID 19. Indicazioni operative istruttorie Gruppo Lavoro Operativo – DL 66/2017 e DL 96/2019 - Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità.

La Nota Ministeriale indica le modalità di convocazione dei GLO in modalità on line, come specificato nella circolare N.330 del Dirigente Scolastico. Il Ministro ha voluto accompagnare le indicazioni normative con un lettera diretta ai Dirigenti scolastici, a tutti i docenti della Scuola italiana, a tutto il personale scolastico, agli studenti e alle studentesse ed alle famiglie, che riportiamo.

Carissimi,

sento la necessità di tornare a rivolgermi a Voi su un tema delicato che

coinvolge, in primo luogo, tutti noi direttamente, come persone di scuola,

ciascuno nel proprio ruolo professionale di garante del diritto allo studio, ma

che riguarda tutta la comunità. Mi riferisco al tema della didattica a distanza

rivolta agli alunni con disabilità.

Come tutti sapete, sono stata insegnante di sostegno e ho potuto

constatare come, anche nelle circostanze più difficoltose da affrontare, la vera

cifra dell’inclusione sia la risultante di moltissimi fattori: la costruzione della

fiducia tra docenti, alunno e famiglia; la presenza e la disponibilità di mezzi e

strumenti per una didattica personalizzata; una collaborazione leale e

concreta tra tutti gli adulti cui gli alunni con disabilità sono affidati.

Abbiamo lavorato al fine di garantire la soluzione dei primi problemi

legati alla mancanza di connettività e di strumenti tecnologici adeguati, per

mezzo di appositi provvedimenti economici che stanno progressivamente

portando i primi frutti. Le scuole hanno iniziato infatti ad operare per

procurarsi tali strumenti, al fine di metterli quanto prima a disposizione delle

famiglie in difficoltà.

Abbiamo inoltre mantenuto un contatto diretto con le principali

Federazioni e Associazioni che rappresentano le persone con disabilità, con le

quali intendiamo continuare a collaborare per migliorare – anche in questa

emergenza – la qualità dell’inclusione scolastica. Come noto, ho insediato un

comitato di esperti per studiare delle proposte che consentano di

programmare in rientro a scuola in condizioni di sicurezza e serenità, per

tutti. Il Coordinatore del comitato, prof. Patrizio Bianchi, avvierà nei prossimi

giorni le interlocuzioni e le audizioni – che ritengo doverose – con tutti gli

attori istituzionali che rappresentano le persone con disabilità.

Dai nostri monitoraggi, dalle esperienze che molte famiglie ci hanno

raccontato direttamente scrivendo al Ministero, dai social media, dalle

Associazioni stesse, sono pervenute tante storie diverse, racconti di vita reale,

stimoli fortissimi che hanno contribuito a formare un quadro variegato

dell’inclusione scolastica in questo particolare momento.

Pur certa e convinta che quanto si è fatto e si continuerà a fare per

garantire l’inclusione nelle classi e nelle sezioni della scuola italiana sia il

frutto del massimo impegno da parte di tutti i docenti e i dirigenti scolastici,

sento l’esigenza di condividere con voi alcune riflessioni che nascono da

questa fitta trama di testimonianze, poiché credo che possano contribuire a

sanare alcuni disallineamenti riscontrabili nelle pratiche didattiche

quotidiane e anche stimolare alla costruzione di strategie utili a recuperare

quanto, in termini di socializzazione e didattica inclusiva ha, malgrado

l’impegno di tutti, perso di efficacia.

In tutte le scuole del sistema nazionale di istruzione è previsto che i

docenti di sostegno siano garanti del diritto allo studio degli alunni loro

affidati, ora più che mai, in un momento in cui la contitolarità formale sulla

classe, prevista dalla norma, deve tradursi in un atteggiamento di inclusività

che si sostanzi in contatti diretti con i bambini e i ragazzi, attraverso stimoli

visivi, in maniera sincrona, sia per fini didattici che per fini più squisitamente

relazionali e sociali. Nella didattica, in particolare, è opportuno che il docente

di sostegno si affianchi alle attività di tutta la classe, in presenza dell’alunno

con disabilità, non solo per facilitare e fornire feedback sui contenuti, per

mediare con strumenti e metodologie individualizzati la trasmissione del

sapere, ma anche per riportare l’attenzione dell’intero gruppo classe sulla

possibilità di creare occasioni di rinnovata socializzazione in un ambiente

condiviso, seppure virtuale. Il principio della contitolarità educativa sulla

classe, e per tutti gli alunni, coinvolge direttamente anche i docenti

curricolari, i quali dal canto loro sono chiamati a intervenire direttamente

anche in attività didattiche inclusive “dedicate”, poiché rivestono il ruolo di

adulti di riferimento di tutta la classe e il contatto con loro restituisce

all’alunno con disabilità una prima misura di inclusione nel suo contesto di

appartenenza.

È evidente che il docente di sostegno ha la piena facoltà, nonché il

dovere dettato da questa condizione di specialità che stiamo vivendo, di

curvare e ricalibrare il PEI, coinvolgendo il dirigente scolastico e il consiglio

di classe nelle scelte e informandone le famiglie, man mano che emerga la

necessità di ripensare la didattica, i contenuti e le metodologie. E’ importante,

in ogni caso, che le scelte siano compiute nella piena condivisione tra docenti,

famiglie e alunni, nell’interesse esclusivo di questi ultimi.

Ritengo che, mai come in questo caso, non sia importante la quantità

bensì la qualità delle attività predisposte, delle relazioni attivate, delle

valutazioni, le quali dovranno essere sempre coerenti con gli obiettivi e ben

suffragate da solide basi di carattere metodologico.

Ai dirigenti scolastici, già impegnati a tenere le redini di questa difficile

situazione, direi quasi a mettere a sistema tutte le energie in gioco,

equilibrandole con le insicurezze e le paure dei ragazzi e delle famiglie,

chiedo lo sforzo ulteriore di garantire con celerità le operazioni finalizzate a

coprire l’eventuale gap tecnologico di tutte le famiglie, in particolar modo di

quelle degli alunni con disabilità, e di assumere ogni utile iniziativa volta a

sollecitare e ad attivare interventi didattici a loro favore, ove ancora non fatto.

Tutto il Governo ha lavorato e lavora perché nessuno resti indietro o si

senta escluso.

Mi sembra doveroso, in ultimo, richiamare l’attenzione sul fatto che già

una norma di legge, recentemente varata tra i provvedimenti emergenziali,

prevede che si possano coinvolgere gli assistenti educatori e alla

comunicazione nel lavoro quotidiano di garanzia della didattica a distanza, in

raccordo con gli enti locali. Con gli assistenti alla comunicazione, in

particolare per quanto riguarda alunni e studenti con disabilità sensoriali, la

collaborazione potrà avvenire attraverso sistemi di condivisione delle

piattaforme digitali in uso tra i docenti, in modo che gli assistenti medesimi

possano operare a loro volta a distanza con gli allievi e i docenti medesimi,

utilizzando il canale comunicativo più adeguato alle varie circostanze.

Chiedo ai dirigenti scolastici di valutare la strada migliore per la

garanzia di coinvolgimento di personale assistente alla comunicazione, il

quale seppur non direttamente dipendente dall’Amministrazione scolastica,

svolge un fondamentale lavoro di supporto a garanzia del diritto allo studio

degli studenti con disabilità, un lavoro prezioso che non va disperso ma

valorizzato e messo a frutto.

Ricordo, in ultimo, che sul sito del Ministero dell’Istruzione è stata

predisposta un’apposita pagina web, caratterizzata dall’essere un work in

progress, dedicata proprio alla didattica a distanza per alunni e studenti con

disabilità. I collegamenti e le iniziative lì proposti consentono di raggiungere

e utilizzare, a titolo totalmente gratuito, le piattaforme e gli strumenti messi a

disposizione delle istituzioni scolastiche e delle famiglie.

Nel ringraziare, in ultimo, le famiglie degli alunni che, con pazienza e

sempre silenziosamente, stanno collaborando in modo propositivo e fattivo

con i docenti e con le scuole per superare le difficoltà, desidero rivolgere a

tutti un augurio di buon lavoro e comunicare la mia ferma convinzione che la

Scuola italiana – al netto degli impedimenti, che avremo il tempo di superare

– uscirà rafforzata dalla prova che sta vivendo, per merito di tutti i cittadini

che quotidianamente si impegnano, ciascuno nel proprio dovere, a renderla

migliore.

Il Ministro

 

On. Lucia Azzolina

ministero istruzione 120443.660x368